Due parole su di me

Sono un giornalista classe 1983, ma non solo.

Ho lavorato come autore, come copywriter, come content e digital specialist.

Mi sono laureato con lode in Scienze della Comunicazione all’Università di Bergamocon un anno come exchange student all’Università di Hull (Regno Unito). Poi, il Master in Giornalismo Internazionale organizzato dal Centro Studi Americani e lo Stato Maggiore della Difesa e la Scuola di Giornalismo Ifg / Walter Tobagi di Milano con borsa di studio per merito. 

Svolgo parte del praticantato alla Gazzetta dello Sport e alla Rai (Tg3 ore 12.00). Quindi, l’esame da professionista; in mezzo l’esperienza all’ufficio stampa di Autogrill SpA.

Ho gestito la comunicazione di OKTago, un’azienda tecnologica che sviluppa software Open Source, tra cui Frimm Energy e Condomani.it social network per i condomini. 

Nel 2011 ho collaborato con RCS MediaGroup, scrivendo articoli e guide per Doveviaggi.it.

In quell’estate faccio parte della squadra di Sky Sport e della redazione di “Speciale Calciomercato”.

Conclusa la parentesi televisiva, vengo assunto al mensile Sky Life, dove coordino e curo la sezione sport.

Nel 2013 sono giornalista e autore al Bnl Live, the dialogue show, talk show all’interno del Wired Next Fest per il centenario di Bnl

Nel 2014 collaboro con RSI Televisione Svizzera

Sempre nel 2014 realizzo il reportage “La strada di casa” con Carolina Lucchesini che racconta storie di #cervellidiritorno, ripreso da diverse testate nazionali (qui, qui) e in concorso al festival Lavori in Corto di Torino.

A Maggio 2014 arriva la convocazione da F.C. Internazionale che mi accoglie nel suo team comunicazione come Content Specialist. 

Nel 2016 co-fondo .puntozero, digital e video hub, una rete di professionisti della comunicazione e del giornalismo in cui si sviluppano campagne online, video storytelling, strategie per i social media e contenuti editoriali per aziende. E ancora: reportage, documentari, web-doc e nuovi format per l’informazione digitale.

Nel 2016 realizzo con Giuseppe Garau in una co-produzione .puntozero e Raining Film Una storia semplice, documentario sulla vita di Anna Rita Sidoti, vincendo il premio come miglior film all’Overtime Festival.  

Corro, gioco a calcio e difendo duro. Come facevano i marcatori anni ’90. Quelli, dicono, non ci sono più, spazzati via dalla difesa a zona. Io, provo a resistere avendo Nereo Rocco in testa: «Tutto quello che si muove sull’erba, colpiscilo. Se è la palla, pazienza».